SetUp Contemporary Art Fair è una fiera d’arte contemporanea che rivolge l’attenzione alla scena internazionale emergente. La fiera è nata nel 2013 e, passo dopo passo, è giunta alla 6a edizione posizionandosi come punto nodale della ricerca artistica. Si svolge a Bologna durante l’art week.

Il significato della parola setup, “predisporre le operazioni per il successivo avviamento di un sistema”, indica le intenzioni della fiera: mettere in moto un nuovo processo per ripensare il sistema arte; perché ciò sia possibile fin dall’inizio la fiera si è contraddistinta per il format che coinvolge le tre figure chiave del sistema dell’arte contemporanea – artista, curatore-critico, gallerista – facendole interagire; agli espositori di SetUp, infatti, è chiesto di presentare un progetto curatoriale con almeno un artista under 35, presentato da un testo critico di un curatore under 35.

Perché facciamo tutto questo?
Per offrire nuovi orizzonti, per promuovere le gallerie che investono sugli artisti emergenti, per far crescere una nuova generazione di collezionisti, per innescare un cortocircuito virtuoso tra commercio e cultura, per essere il luogo di incontro per gli esperti di arte contemporanea ma anche per coloro che si stanno avvicinando all’arte, per soddisfare ad ampio raggio l’attrattiva da parte del pubblico e soprattutto perché crediamo nella concreta possibilità che si possa generare una sana “economia della cultura”.

Nelle cinque edizioni passate SetUp ha ospitato oltre 190 gallerie di cui 34 straniere dando spazio a più di 800 artisti; il programma culturale ha offerto oltre 111 talk e 33 performance dando la possibilità a dato più di 48.000 visitatori di entrare in contatto con i talenti emergenti.

SetUp Contemporary Art Fair è un progetto ideato da Simona Gavioli e Alice Zannoni, fondatrici di SetUp Art srl.