Residenza Casa Falconieri

Il giovane artista selezionato vivrà dieci giorni di intenso lavoro in uno spazio che è la Sardegna – dove Casa Falconieri ha la sua sede principale – nel laboratorio 2 di Serdiana, un piccolo centro immerso negli spazi delle più grandi tenute vinicole della Sardegna; spazio e natura, spazio e sole, spazio e vento, in un equilibrio di sensazioni che avvolgono e stordiscono.

All’arrivo in Sardegna verrà consegnata al vincitore del Premio una bicicletta del primo novecento per esplorare le campagne limitrofe a Casa Falconieri, mentre una piccola troupe lo seguirà e girerà un breve spot in equilibrio tra natura e arte. Il ciclista-artista “dovrà catturare” con immagini mentali lo spazio che lo circonda – la chiesa medioevale di Sibiola e su Stani Saliu con le vigne – per dar vita al suo territorio di esplorazione utopico alla ricerca di segni e equilibri, odori e passioni che diventeranno oggetto di ricerca nel laboratorio di incisione.

Selezioneranno il vincitore una commissione composta da Gabriella Locci, Presidente di Casa Falconieri e Dario Piludu, Direttore artistico di Casa Falconieri e Fig Bilbao assieme alla direzione di SetUp Simona Gavioli e Alice Zannoni.

La proclamazione è avvenuta venerdì 27 gennaio dalle ore 20.00 alle ore 21.00 presso l’Area Talk.

Premio Residenza Casa Falconieri

Motivazioni: per la figurazione, definita con un tratto immaginifico, che gestisce quale moderno alchimista delineando un personalissimo universo, vince il Premio Residenza Casa Falconieri 2017 Stefano Gioda rappresentato dalla galleria Eggers 2.0 Let’s do it together di Torino

Stefano Gioda_Premio residenza Casa falconieri © Rosy Dennetta-6